Pisa Tour - guide tursitiche

 
 
 
BLOG
 
 

postato il: 09/06/2014 - RITROVATE 12 OPERE TRAFUGATE DAL MUSEO DI SAN MATTEO DI PISA
Titolo_it
10 opere pittoriche del valore di 4 milioni di euro sottratte, senza che nessuno se ne accorgesse, al Museo di San Matteo nel 2003 sono state ritrovate dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Firenze e riportate a Pisa. L'indagine, condotta dal Sostituto Procuratore Giovanni Porpora, ha preso il via all'inizio del 2014, ma la vicenda, di cui ancora non sono chiari i contorni, ha inizio molto prima.
 
Nel 2002 il Museo di San Matteo affida ad un restauratore accreditato alla Soprintendenza di Pisa, Marco Gazzi, 17 opere (15 tavole e 2 tele). Ma nel 2006, a restauro compiuto, il restauratore ne restituisce solo 5. Come spiega il Dott. Dario Matteoni, attuale direttore del Museo «i documenti certificano l'avvenuto pagamento del lavoro compiuto per le 17 opere, ma il rientro di solo 5 di esse». A questo punto sei opere vengono immesse sul mercato. Tra queste un dipinto olio su tavola, con fondo oro, raffigurande una "Madonna Addolorata(nella foto), che all'epoca del furto era attribuita alla scuola del maestro fiammingoQuinten Metsys, e come tale era stata rivenduta dal restauratore per 31.000 euro.
 
«La via dell'illegalità è stata la fortuna di quest'opera - spiega il comandante del nucleo di tutela del patrimonio culturale di Firenze, Lanfranco Disibio - la casa d'aste svizzera che l'aveva acquistato lo ha infatti esposto pubblicamenta a Maastricht, dove alcuni esperti di arte fiamminga lo hanno riconosciuto come opera del maestro». Una scoperta che mandato alle stelle il suo valore: «L'opera - continua Disibio - è stata venduta ad un collezionista straniero per 2,8 milioni di euro. L'abbiamo ritrovata in Grecia e grazie ad una rogatoria insolitamente breve l'abbiamo riportata a Pisa».
 
Ed il Museo di San Matteo? «Nel 2012 - racconta Matteoni - in previsione di una mostra sulle opere fiamminghe abbiamo cercato nei depositi le opere e, non avendole trovate, abbiamo dato l'allarme». Ma come è stato possibile non accorgersi che 12 tra tavole e tele mancavano all'appello? «Non sappiamo come sia potuto accadere ma siamo certi che non accadrà più» aggiunge la Soprintendente ai Beni Culturali Soprintendente di Pisa e Livorno, Paola Raffaella David.
 
Delle 12 opere sottratte e ritrovate, due non sono ancora rientrate: «c'è una rogatoria con la Francia - spiega il procuratore Ugo Adinolfi - per il rientro di due dipinti "La Vigilanza" e "La Giustizia". Speriamo che si concluda in breve tempo».
 
Se alcuni punti sul furto restano ancora da approfondire, sembra invece tutto chiaro dal punto di vista penale: «Il reato di appropriazione indebita aggravata, contestato al restauratore, è sottoposto a prescrizione, in questi casi di 6 anni» spiega Adinolfi «quindi già prescritto. Per quanto riguarda le case d'asta e i compratori bisognerà accertare la loro buona fede».






CONSORZIO PISATOUR

via Pietrasantina, 61 - 56122 - PISA
tel/fax +39 050 550 591 - cell. +39 328 144 68 55
info@pisatour.it
C.F. & P. I.V.A. 02134250501


I contenuti presenti sul sito pisatour.it dei quali e' autore il proprietario del sito non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perche'
appartenenti all'autore stesso.
E' vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E' vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall'autore.